Transpose

transposeASAPBio ha appena lanciato Transpose, una banca dati online che fornisce un rapido accesso alle politiche editoriali di circa 2.900 riviste scientifiche. L’idea di questo database,  lanciato il 13 giugno, nasce da una indagine, condotta dal gruppo di lavoro che ha poi ideato Transpose, su 171 riviste tra le più citate che ha rilevato che quasi un terzo di queste non indica chiaramente sul proprio sito web nemmeno le informazioni di base sul proprio processo editoriale, come, ad esempio, che tipo di peer review viene praticata. 
Transpose, creato per aiutare i ricercatori che stanno cercando la rivista più adatta dove pubblicare, include dettagli su peer review, preprints e politiche editoriali che sono spesso difficili o impossibili da trovare sui siti web delle riviste. Il database permette anche di fare un confronto tra più riviste (fino ad un massimo di tre).

E’ online un altro modulo dell’Open Science MOOC

OpenScienceMOOCE’ stato da poco pubblicato online, sulla piattaforma open source Eliademy, un nuovo modulo dell’Open Science MOOC, corso online che affronta tutti gli aspetti legati al tema della scienza aperta. Questo modulo, Open Principles, introduce i principi base dell’Open Science, elencandone i diversi attori coinvolti, e aiuta a crearsi un profilo online aderente ai principi del movimento.
Tutti i corsi dell’Open Science MOOC sono gratuiti e possono essere seguiti con il proprio ritmo. I contenuti sono liberamente disponibili e autorizzati per l’uso sia all’interno che al di fuori della piattaforma.
Per avere una bibliografia completa ed aggiornata sui vari temi legati all’Open Science consigliamo di consultare la sezione dove viene raccolto tutto il materiale relativo ad ogni corso.
Dopo aver seguito il corso e risposto alle domande finali, si può scaricare un attestato.

Bookmarklet for Researchers

bookmarkletinactionSei un ricercatore e vuoi sapere chi condivide i tuoi lavori, dove e perché?
Altmetric offre gratuitamente uno strumento che ti permette di farlo in modo facile e veloce: Bookmarklet for Researchers.
Questo programma, disponibile per Chrome, Firefox e Safari, permette infatti di visualizzare le condivisioni online e le menzioni di un articolo con un solo clic per tutti gli articoli indicizzati da PubMed, arXiv o pagine contenenti un DOI. Le menzioni di Twitter sono disponibili solo per articoli pubblicati da luglio 2011.

Usare questo strumento è semplice: è sufficiente trascinare il bookmarklet nella barra dei preferiti, accedere alla pagina di un articolo e cliccare su “Altmetric it!”.
In questo modo è possibile verificare l’impatto dei propri lavori sul web al di fuori dei canali tradizionali della comunicazione scientifica.

Online il primo modulo dell’Open Science MOOC

OpenScienceMOOCE’ da poco online, sulla piattaforma open source Eliademy, il primo modulo dell’Open Science MOOC, corso online che riguarda tutti gli aspetti legati al tema della scienza aperta.

Il primo modulo ha come argomenti l’Open Research Software e l’Open Source. Il prossimo modulo, programmato per gli inizi del 2019, riguarderà i Principi base dell’Open Science (Open Principles).  

I corsi sono completamente gratuiti, possono essere seguiti con il proprio ritmo quindi possono essere completati nel tempo libero, tutti i contenuti sono liberamente disponibili e autorizzati per l’uso sia all’interno che al di fuori della piattaforma.

Chi è interessato può anche partecipare alla realizzazione di questi moduli registrandosi su Slack o su GitHub.

Bibliosan 2.0 riprenderà a gennaio. Buone feste!

Come utilizzare Google Scholar per tenersi aggiornati sulle novità che riguardano il proprio ambito di ricerca

overload informationA causa dell’enorme quantitativo di articoli scientifici che vengono giornalmente pubblicati sul Web, è sempre più difficile riuscire a tenere il passo con le novità che riguardano il proprio ambito di ricerca e si rischia di perdere documenti interessanti. Un post, pubblicato su LSE lmpact blog, dà alcuni consigli su come utilizzare Google Scholar per non perdere articoli potenzialmente rilevanti per la propria attività di ricerca:

  • impostare un profilo su Google Scholar (GS) per essere informati ogni volta che un proprio articolo viene citato
  • “seguire” un autore importante nel proprio ambito di ricerca per ricevere una notifica ogni volta che pubblica un articolo
  • ricevere delle notifiche ogni volta che viene pubblicato un articolo su uno specifico argomento, facendo una ricerca su GS e cliccando su “create alert”. In questo caso si consiglia di essere molto specifici
  • controllare, almeno una volta al mese, gli aggiornamenti (“my updates”) che GS invia basandosi sulle proprie pubblicazioni e sugli articoli che sono stati cercati e scaricati

L’autrice del post sottolinea che si potrebbero utilizzare anche alcuni social media ma se l’obiettivo principale è quello di tenersi aggiornati sulle ultime pubblicazioni accademiche, non occorre perdere tempo su questi siti in quanto il valore aggiunto che possono offrire in questo caso è piuttosto basso.

Direct2AAM

OpenAccessButtonLa maggior parte degli editori commerciali permette il deposito in un archivio aperto di una versione dell’articolo che hanno accettato per la pubblicazione. In molti casi la versione “permessa” è quella del manoscritto definitivo, quindi quello accettato per la pubblicazione che, però, non è ancora stato strutturato con il layout della rivista (per approfondire si può consultare SHERPA/RoMEO, servizio che elenca le varie politiche editoriali in merito a copyright e autoarchiviazione). Questa versione del documento viene chiamata AAM (Author Accepted Manuscript) e si può recuperare all’interno del proprio account creato al momento dell’invio dell’articolo alla rivista.

L’Open Access Button ha creato Direct2AAM, una serie di guide con istruzioni dettagliate per recuperare in maniera semplice i propri manoscritti accettati per la pubblicazione (AAM) in modo da poterne autoarchiviare la versione corretta. Quest’iniziativa nasce dall’esperienza maturata da Open Access Button nella ricerca delle versioni ad accesso aperto degli articoli che ha messo in evidenza come molti autori non autoarchivino il proprio articolo perché hanno difficoltà a trovare la copia giusta o hanno paura di utilizzare una versione sbagliata ed infrangere il copyright. Per chi fosse interessato ad ulteriori chiarimenti riguardo a quali sono le varie versioni di un articolo, può consultare la risorsa “Article Version Explainer, sempre creata da Open Access Button, che spiega, in modo semplice, la differenza tra le varie versioni.

OpenUp Hub

OpenUPhubOpenUp Hub è una piattaforma che recupera ed organizza documenti, strumenti, best practice e linee guida relativi a peer review, disseminazione e metriche alternative nell’ambito dell’Open Science. Nasce da un progetto finanziato dal programma Horizon2020 della Commissione Europea indirizzato a tutti coloro che sono coinvolti nel ciclo della ricerca scientifica: dai ricercatori agli editori, dai finanziatori ai bibliotecari. Si può personalizzare la ricerca del materiale informativo raccolto nella piattaforma (articoli, corsi di formazione, guide, checklist, ecc.) sia in base al proprio profilo (bibliotecario, ricercatore, …) sia in base alle proprie esigenze ed esempio, quali sono le migliori strategie di disseminazione sul web di un articolo.

All’interno di OpenUp Hub si trovano anche una interessante sezione di domande e risposte sull’Open Science, un blog, ed uno spazio, chiamato The Observatory, che monitora i recenti sviluppi negli ambiti dei temi trattati dal sito utilizzando i social media come fonte di informazioni.