Covid-19 Shows That Scientific Journals Need to Open Up

open_access_for_researchersUn importante cambiamento causato dalla pandemia da Covid-19 è stata la disponibilità da parte dei maggiori editori scientifici a garantire il libero accesso alla quasi totalità degli articoli pubblicati sul nuovo virus, normalmente accessibili solamente tramite abbonamento.
Cosa accadrà alla comunicazione scientifica con la fine della pandemia? Si pagherà nuovamente o gli editori manterranno questa posizione?

Se lo chiede in un lungo e interessante articolo Covid-19 Shows That Scientific Journals Need to Open Up pubblicato su Bloomberg Opinion Justin Fox, che, ripercorrendo la storia delle riviste scientifiche dalle origini, racconta come si è arrivati allo status quo e dove sta andando oggi l’industria dell’editoria scientifica.

Fox sostiene che il Covid-19 abbia solo accelerato il complesso passaggio da un sistema di comunicazione scientifica per lo più chiuso ad uno per lo più aperto, per il quale accademici, governi e organizzazioni no profit stanno lavorando da decenni, e che difficilmente si potrà tornare indietro.
Se fino ad oggi mantenere la ricerca dietro paywalls è stato proficuo, ora gli editori devono trovare un nuovo approccio ed abbracciare la scienza aperta, come la pandemia da Covid-19 ha evidenziato, ma non mancheranno conseguenze.
La più perversa di queste conseguenze, dal punto di vista di molti sostenitori dell’accesso aperto, sarà un aumento del potere e dei profitti dei grandi editori commerciali che infatti nel frattempo hanno acquistato server di preprint, social network accademici, piattaforme di hosting di riviste, strumenti di valutazione della ricerca e altri servizi al fine di rendersi essenziali per il mondo accademico.

La scienza da prendere con le pinze

infodemia

Segnaliamo un interessante articolo di Graham Lawton pubblicato su New Scientist (a pagamento) e disponibile gratuitamente tradotto in italiano su Internazionale.

L’articolo analizza quella che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha definito infodemia scatenata in occasione dell’emergenza sanitaria da Covid-19.
In particolare l’autore fa una riflessione sul ruolo giocato dai preprint in questo contesto: da una parte hanno permesso di avere accesso ai dati preliminari, consentendo una prima comprensione del virus, dall’altra si sono rivelati uno strumento “pericoloso”. Infatti improvvisamente una grande quantità di persone, che normalmente non si interesserebbero ai preprint, e che quindi non necessariamente ne colgono i limiti, ha cominciato a leggerli e a condividerli, con conseguenze negative in più di un’occasione.

L’autore riporta diversi esempi di mala gestione dell’informazione scientifica senza negare l’importanza che i preprint possono avere soprattutto in caso di pandemia.

WHO COVID-19 Database

whoLa scorsa settimana l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato una nuova e più potente interfaccia di ricerca del WHO COVID-19 Database, banca dati che raccoglie la letteratura internazionale pubblicata relativa al Covid-19.

Questo strumento si affianca ai numerosi database nati con finalità analoghe, quali ad esempio CORD-19 dell’Allen Institute for AI o LitCovid della NLM, ma si caratterizza per la particolare attenzione che pone nell’identificazione della letteratura di tutto il mondo e ad oggi rappresenta una fonte multilingue completa della letteratura corrente sull’argomento.

Il database viene aggiornato quotidianamente dal lunedì al venerdì, attraverso ricerche nei database bibliografici e ricerche manuali. Per ottenere questa prospettiva globale vengono utilizzate più strategie di ricerca in continua revisione.

Come la pandemia sta cambiando il mondo della ricerca scientifica

pandemiaQuesta settimana vogliamo segnalare l’articolo, scritto dal ricercatore Massimo Sandal, Come la pandemia sta cambiando il mondo della ricerca scientifica.

L’autore dell’articolo sottolinea quelli che sono gli aspetti fondamentali della ricerca biomedica che sono completamente cambiati in presenza di questa emergenza sanitaria, alcuni dei quali sono:
– la velocizzazione dei tempi della peer review (dai mesi richiesti di norma si è passati anche alle 24-48 ore)
– la proliferazione degli archivi di preprint che sono diventati strumenti di lavoro e di informazione a tutti gli effetti
– una maggiore rapidità nell’assegnazione dei fondi della ricerca
– la spinta alla collaborazione tra ricercatori di diverse istituzioni nel mondo
– una gran quantità di dati liberamente accessibili a tutti
– una comunicazione più chiara al grande pubblico

I risultati sono stati una esplosione di letteratura scientifica senza precedenti e una intensa collaborazione che hanno portato la ricerca scientifica a fare molti passi in avanti in breve tempo, si spera che una volta conclusa questa situazione di emergenza si possa fare tesoro di alcune di queste esperienze e farle diventare la norma.

OpenAIRE per Covid-19

OPAIREPer supportare gli sforzi della comunità scientifica nell’affrontare l’attuale pandemia da COVID-19, la Commissione europea ha invitato alla collaborazione OpenAIRE e altre iniziative dell’European Open Science Cloud (EOSC).

In particolare OpenAIRE sta realizzando, in sinergia con altre iniziative europee come ELIXIR e RDA, un COVID-19 Open Research Gateway in cui raccoglierà in modo automatico tutti i prodotti della ricerca relativi a COVID-19 (dati clinici, epidemiologici, articoli scientifici, software, metodologie, ecc) nell’ottica di fornire un unico punto di accesso a tutte le risorse rilevanti. Il gateway sarà lanciato per la fine di aprile.

OpenAIRE ha inoltre istituito in Zenodo uno spazio dedicato per depositare in modo immediato i risultati della ricerca relativi a COVID-19 (articoli, dataset, software, ecc).

La community è attualmente curata da un gruppo di persone che lavorano per OpenAIRE, tuttavia, è aperta una Call for experts del settore medico/biomedico ma non solo, che possano contribuire a curare la collezione in Zenodo e supportare la selezione delle fonti per l’Open Research Gateway COVID-19.

CORD-19

cord-19In risposta alla pandemia di COVID-19, l’Allen Institute for AI ha collaborato con alcuni importanti gruppi di ricerca per preparare e distribuire il COVID-19 Open Research Dataset (CORD-19), risorsa gratuita che ad oggi archivia oltre 45.000 articoli accademici, di cui oltre 33.000 con testo completo, e relativi dati, su COVID-19, SARS-CoV-2 ed i coronavirus in generale.

Questo database viene aggiornato settimanalmente, man mano che nuovi articoli vengono revisionati e pubblicati su riviste scientifiche e man mano che nuovi preprint vengono caricati su bioRxiv, medRxiv ed altri archivi ad accesso aperto.

Sul sito è possibile sia fare delle ricerche tramite il CORD-19 Explorer (abbastanza semplice, nella pagina è presente anche un elenco di strumenti che permettono una ricerca più estensiva) sia scaricare localmente tutto il set di dati per fare data e text mining, principale attrattiva del sito.

LitCovid

litcovidQuesta settimana segnaliamo LitCovid, una piattaforma creata per raggruppare tutta la letteratura scientifica sul nuovo Coronavirus pubblicata su PubMed.

LitCovid è una risorsa creata dal National Center for Biotechnology Information della National Library of Medicine che, al momento, fornisce l’accesso a più di 1260 articoli di ricerca e viene aggiornata quotidianamente.

La piattaforma ha una funzione di ricerca più sofisticata rispetto alle altre risorse esistenti riuscendo ad identificare circa il 35% in più di articoli pertinenti rispetto alle ricerche convenzionali basate su parole chiave come “COVID-19” o “nCoV”. 

Un altro valore aggiunto di LitCovid è che gli articoli sono classificati per argomento (panoramica generale, meccanismi della malattia, dinamiche di trasmissione, trattamenti, case report e previsione epidemica)  e/o per posizione geografica in modo da poter avere anche una visualizzazione di dove viene prodotta la ricerca.

Ricordiamo anche che la quasi totalità degli editori scientifici ha aderito alla richiesta del Wellcome trust di rendere tutta la ricerca scientifica su questo argomento liberamente accessibile

 

Nuova piattaforma per preprint sul nuovo coronavirus

outbreak scienceL’emergenza scaturita dalla diffusione del COVID-19 ha fatto sì che la comunità scientifica mondiale abbia da subito sentito la necessità di condividere rapidamente dati e risultati preliminari rilevanti al contrasto di questa epidemia.

Come risultato di questa esigenza di una pubblicazione e condivisione immediate, sono aumentati in modo esponenziale i preprint (pubblicazioni che non hanno ancora passato la peer review).

Il Wellcome Trust, riconoscendo il valore che hanno questo tipo di pubblicazioni, ha collaborato con Outbreak Science e PREreview all’apertura di una piattaforma di open peer review, Outbreak Science Rapid PREreview, alla quale possono collaborare attivamente i ricercatori che hanno un ID ORCID facendo la open peer review. Sulla piattaforma si trovano i preprint caricati sui tre principali archivi ad accesso aperto medRxiv, bioRxiv e arXiv. Le recensioni sono aperte e possono essere inviate in forma anonima.

I rischi della rapida diffusione della ricerca sul coronavirus

speed scienceSegnaliamo un articolo, pubblicato sul sito dell’agenzia di stampa Reuters, che fa un’interessante analisi sui rischi legati alla rapida diffusione dei risultati della ricerca, e in particolare sul ruolo dei pre-print e dei social media in un momento come quello attuale segnato dall’emergenza coronavirus che richiede che l’informazione sia condivisa rapidamente e liberamente.

Reuters ha analizzato lavori recuperati da Google Scholar e pubblicati su tre server di preprint: bioRxiv, medRxiv e ChemRxiv. Dei 153 studi identificati, circa il 60% era costituito da preprint, di cui gran parte sono studi rigorosi e utili, ma alcuni mancano di rigore scientifico e sono stati ritirati non prima però di essere stati condivisi sui social media e lanciati da varie agenzie di stampa. Questa pratica, quando ha coinvolto lavori in seguito mostratisi errati, ha contribuito a far crescere la disinformazione e di conseguenza ad alimentare la paura.

Un esempio è stato un lavoro che indicava alcune somiglianze definite “inquietanti” tra il nuovo coronavirus e l’HIV.  Il lavoro, aspramente criticato dagli scienziati di tutto il mondo, è stato rapidamente ritirato ma era già apparso in più di 17.000 tweet e rilanciato da 25 agenzie stampa.

Proprio alla luce di questi episodi BioRxiv ha ora aggiunto un avvertimento per ogni nuova ricerca sul coronavirus in cui evidenzia che si tratta di rapporti preliminari che non sono stati sottoposti a peer-review e pertanto non dovrebbero essere considerati definitivi, guidare la pratica clinica o essere riportati dai media come informazioni certe.

L’articolo impone una riflessione sull’uso che è stato fatto dei preprint in questa situazione che, complice la pressione per comunicare le scoperte in tempo reale, ha portato ad un loro uso errato dando in pasto all’informazione pubblica notizie successivamente rivelatesi sbagliate e contribuendo in questo modo all’attuale infodemia.