Nuove competenze dei bibliotecari nell’ambito della ricerca e della comunicazione scientifica

The_LibrarianI rapidi cambiamenti in ambito tecnologico degli ultimi anni, e le conseguenze che stanno avendo nell’ambito della ricerca scientifica e della sua comunicazione, stanno profondamente cambiando il ruolo delle biblioteche. L’emergere della e-research, per esempio, che ha portato a nuovi modi di fare ricerca in tutto il mondo, sta spingendo le biblioteche a fornire nuovi servizi ai propri utenti come, ad esempio, l’assistenza per lo sviluppo di piani di gestione dei dati di ricerca (DMP), la gestione degli archivi istituzionali e la diffusione dei risultati della ricerca attraverso l’accesso aperto. Questi servizi richiedono nuove abilità e competenze da parte dei bibliotecari, e un cambiamento nei modelli organizzativi delle biblioteche. Recentemente è stato istituito un gruppo di lavoro, che comprende, tra le altre istituzioni, associazioni come l’americana ARL (Association of Research Libraries) e l’europea LIBER (Ligue des Bibliothèques Européennes de Recherche – Association of European Research Libraries), il cui obiettivo è quello di delineare le nuove competenze che verranno sempre più richieste ai bibliotecari in questo ambiente in continua evoluzione e che permetteranno loro di ricoprire ruoli centrali e di supporto sempre maggiore nell’ambito della comunicazione scientifica. Nell’intenzione del gruppo di lavoro, la definizione di questi profili consentirà ai direttori delle biblioteche di identificare le lacune nelle competenze del loro personale in modo da sviluppare, tra le altre cose, nuovi programmi di formazione per bibliotecari e professionisti delle biblioteche. Per chi fosse interessato all’argomento, il gruppo di lavoro ha già pubblicato le indicazioni relative alle competenze per la comunicazione scientifica e l’open access e quelle relative alla gestione dei dati della ricerca.

The NMC Horizon Report: 2015 Library Edition

nmc2015_librarySegnaliamo un interessante rapporto sul futuro delle biblioteche accademiche e di ricerca, The NMC Horizon Report: 2015 Library Edition, nato dalla collaborazione di 53 esperti che si sono confrontati sulle sfide che dovranno affrontare le biblioteche nei prossimi anni in seguito agli sviluppi della tecnologia. Tra le tendenze fondamentali individuate tra quelle che avranno un effetto a medio – lungo termine sulle attività  delle biblioteche ci sono il libero accesso ai documenti, la gestione dei dati ed il riutilizzo degli spazi delle biblioteche per favorire le attività  di insegnamento e di organizzazione di workshop. Viene sottolineato anche il bisogno di attrezzare i bibliotecari della necessaria digital literacy, utile anche nel loro ruolo di supporto dell’utenza. ll rapporto è corredato da esempi di applicazioni reali e potenziali per ciascuno dei temi individuati e da link utili per l’approfondimento.

Altmetrics per bibliotecari

indianalibrariesLe altmetrics sono un argomento di crescente interesse in ambito biblioteconomico e scientifico. Per approfondire questa tematica si può consultare sul blog delle biblioteche dell’Indiana University un elenco specifico per bibliotecari che raccoglie articoli relativi alle metriche alternative. Si può tentare di recuperare le risorse a pagamento tramite l’Open Access Button, strumento di cui abbiamo parlato più dettagliatamente nel post del 22 novembre. Inoltre sull’account Delicious di Bibliosan 2.0 si trova una selezione di articoli sull’argomento, per bibliotecari, raggruppati sotto il tag bundle Altmetrics_libraries.

Library 2.013 Worldwide Virtual Conference

LibraryConference2013Il 18 e 19 ottobre si terrà la Library 2.013 Worldwide Virtual Conference, terza conferenza sul futuro delle biblioteche promossa dalla San Jose State University School of Library and Information Science. La partecipazione è gratuita e si svolgerà interamente online, in più lingue, per permettere a un pubblico globale di assistere alle presentazioni. La conferenza affronterà tematiche attuali, anche di ambito non strettamente biblioteconomico, quali: massive open online courses (MOOCs) e mobile services. Per chi volesse seguire la conferenza su Twitter, l’hashtag è #lib2013.