Gaming the metrics. Misconduct and Manipulation in Academic Research

gaming the metricsSegnaliamo la recente pubblicazione del volume Gaming the metrics, a cura di Mario Biagioli e Alexandra Lippman.

La crescente dipendenza dalle metriche nella valutazione delle pubblicazioni accademiche ha prodotto forme radicalmente nuove di frode accademica. Al tradizionale “publish or perish” si è infatti aggiunto il monito “impact or perish” ovvero la necessità che la pubblicazione abbia anche un impatto, misurato da parametri quali le citazioni ricevute, ma anche visualizzazioni, follower counts, likes, retweets, download etc.

Gli autori di questo volume mostrano come la necessità di avere un impatto abbia favorito la manipolazione degli indicatori quantitativi portando a nuove forme di cattiva condotta, offrendo una mappa delle numerose frodi accademiche messe in atto, come ad esempio le citazioni tra autori complici (citation rings), peer-review truccate o falsi archivi di preprint.

Il volume, molto interessante, è disponibile anche ad accesso aperto.

Bibliometrics Training Series

NIHLa biblioteca dei National Institutes of Health ha da poco reso disponibili, gratuitamente online una serie di 13 corsi dedicati alla bibliometria. La serie nasce sulla base dell’esperienza che la stessa NIH ha maturato offrendo da diversi anni ai propri ricercatori servizi bibliografici quali: Measure Productivity, Detect Collaboration, Identify Research Topics e Assess Citation Impact.

La serie dei seminari, organizzata in aree tematiche, per ogni corso offre, oltre al video, letture supplementari per approfondire l’argomento trattato e, aspetto molto interessante, esercitazioni pratiche per “imparare a fare” bibliometria. Gli argomenti trattati vanno dall’uso delle varie basi dati bibliografiche con finalità bibliometriche, la pulizia dei dati, la creazione di network di collaboratori, misurazione dell’impatto citazionale, metriche alternative etc.
Gli autori suggeriscono di seguire i corsi nell’ordine proposto per poterne beneficiare appieno.

Con l’occasione auguriamo a tutti buone feste.