Il nuovo Open Access Button

oabuttonnuovoIl 21 ottobre è stato presentato a Londra il nuovo Open Access Button,
arricchito di funzionalità per “aiutare ricercatori, pazienti, studenti e pubblico ad ottenere l’accesso alla ricerca scientifica e accademica”.
Il bottone registra l’accesso negato ad una pubblicazione e ne ricerca una copia liberamente accessibile attraverso Google Scholar e CORE o contattando gli autori.
Per chi fosse interessato ad approfondire la conoscenza di questo progetto segnaliamo:
-il sito web dell’Open Access Button;
-il blog dell’Open Access Button;
-gli hashtag di Twitter #openaccesbutton, #buttonlaunch

Open Access Button

openaccessbuttonIl 18 novembre scorso è stato presentato alla conferenza Berlin 11 Students and Early Stage Researchers il progetto Open Access Button. Lo scopo è quello di registrare in tempo reale, attraverso le segnalazioni fatte dagli utenti con l’apposito bottone, il divieto di accesso agli articoli. Le informazioni raccolte confluiscono nella mappatura a livello mondiale dei luoghi in cui è negato il libero accesso alle risorse. Inoltre il progetto prevede un supporto per il recupero delle pubblicazioni negate attraverso Google Scholar o con l’invio di una richiesta dell’articolo via mail all’autore. Per aderire all’iniziativa basta registrarsi sul sito http://www.openaccessbutton.org/ e trascinare il pulsante sulla propria barra degli strumenti.