Perché cOAlition non supporta le riviste ibride

pLANs

Pochi giorni fa Plan S ha pubblicato una nota informativa nella quale spiega perché le istituzioni che partecipano a cOAlition S non sosterranno le spese per pubblicare nelle riviste cosiddette ibride sottolineando ancora una volta il ruolo negativo svolto da queste ultime:

1- le riviste ibride non hanno facilitato la transizione verso l’accesso aperto diversamente da quanto “promesso” inizialmente dagli editori

2- la comunità scientifica paga due volte: abbonamento alla rivista e APC per articolo ad accesso aperto

3- pubblicare su riviste ibride costa mediamente di più che pubblicare su riviste ad accesso aperto (£2770 vs £1768)

4- gli editori ibridi offrono servizio di scarsa qualità quando si parla di depositare gli articoli in archivi aperti come Europe PMC o di attribuzione di licenze CC-BY

5- le riviste ibride escludono nuovi modelli di pubblicazione ad accesso aperto e ad oggi rappresentano il maggior ostacolo allo sviluppo di nuove soluzioni e/o nuovi competitor 

6- le riviste ibride sono ad accesso aperto random in quanto contengono un mix casuale di contenuti aperti e a pagamento non permettendo a chi non è abbonato di accedere alla totalità dei contributi pubblicati

Verranno supportate finanziariamente solo quelle riviste ibride che adotteranno un accordo trasformativo che le porterà ad un full OA entro dicembre 2024.

In questo modo gli editori si renderanno conto che il modello ibrido non è più un’opzione praticabile e saranno spinti ad esplorare nuovi modelli di pubblicazione ad accesso aperto. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...