Predatory Metrics


SchloarlyOA
Jeffrey Beall segnala in un post del suo blog Scholarly Open Access alcune aziende che propongono servizi di calcolo dell’impatto delle riviste sulla base di false metriche.
Secondo Beall, queste società sfruttano il fenomeno dei predatory publishers, che pubblicizzano riviste senza IF, per promuovere nuovi indici d’impatto basati su calcoli non attendibili. Solitamente, afferma Beall, queste società si basano (o affermano di basarsi) su citazioni prese da Google Scholar che, non effettuando uno screening qualitativo nell’indicizzare la letteratura online, include anche i cosidetti predatory journals.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...